La campagna congiunta di Babbel e Netflix vince due Leoni a Cannes

  • La campagna con Netflix “Parla spagnolo come el Patrón” vince due Leoni a Cannes
  • Come le cooperazioni aiutano Babbel a raggiungere nuovi target
  • Cooperazione con Tripadvisor e Airbnb
Babbel la app per parlare una nuova lingua fin dall'inizio, è oggi un’esperienza vicina a un pubblico ancora più vasto. Collaborazioni con partner internazionali come Netflix, Airbnb e Tripadvisor hanno infatti allargato il target dell’azienda, con risultati sorprendenti: la campagna “Parla lo spagnolo come el Patrón”, frutto della cooperazione tra Babbel e Netflix, è stata premiata con due Leoni nell’edizione 2017 dei Cannes Lions.

Questa cooperazione è stata la prima su vasta scala con un partner. Al debutto della seconda stagione della serie Narcos nel settembre 2016 Babbel e Netflix hanno creato una lezione gratuita di spagnolo basata su contenuti originali della serie di successo. La lezione demo “Parla lo spagnolo come el Patrón” ha dato la possibilità a tutti i fan di migliorare lo spagnolo con la loro serie preferita e ha creato contemporaneamente una stretta connessione con i due marchi. I risultati parlano da sé: la collaborazione ha raggiunto oltre 1 miliardo di persone attraverso i media globali e quasi 33 milioni attraverso i social media. Oltre 100.000 persone si sono avvicinate allo spagnolo tramite la lezione offerta in sei delle sette lingue di visualizzazione di Babbel.

La campagna è stata ora premiata due volte a Cannes, nella categoria Entertainment: con il Leone d’argento per Excellence in Brand Integration into an Existing Experience e con il Leone di bronzo per Excellence in Partnerships in a Brand Experience.

“La cooperazione con partner come Netflix è molto interessante per noi perché ci mette in contatto con nuovi possibili gruppi interessati al tema dell’apprendimento delle lingue. Oltre 100.000 persone hanno fatto la lezione di spagnolo della campagna legata alla serie Narcos”, commenta Arne Schepker, CMO di Babbel. “L’aspetto centrale è il valore aggiunto che diamo agli utenti: i contenuti interessanti ed emozionali non risvegliano solo l’interesse per altre lingue, ma avvicinano a nuovi temi e aiutano a trattenere meglio ciò che si è imparato. Questo è anche il principio fondamentale della app di Babbel.”

Dopo Netflix, Babbel ha collaborato ad altre campagne internazionali,come quella con Tripadvisor, il più grande portale di viaggi a livello mondiale e, a partire da questa settimana, con Airbnb, la piattaforma leader di home sharing per vivere l’esperienza di viaggio come una persona del luogo.


Informazioni su Babbel

Nell’apprendimento di una nuova lingua niente è più gratificante che poterla usare fin dall’inizio. Per questo Babbel, la app per l’apprendimento delle lingue straniere, vi aiuta a parlare fin dall’inizio. E il metodo funziona: il 73% degli utenti intervistati si sente capace di avere una semplice conversazione dopo meno di 5 ore di apprendimento con Babbel.

Con la app di Babbel, accessibile su web tramite computer, su dispositivi mobili iOS e Android, si possono imparare 14 lingue a partire da 7 diverse lingue di visualizzazione. Le lezioni sono ben integrabili nella vita quotidiana, grazie alla loro lunghezza ideale e alla suddivisione in temi utili, come ad esempio il presentarsi, ordinare al ristorante o preparare un viaggio. Il metodo di Babbel aiuta a restare focalizzati per raggiungere i propri obiettivi: per questo gli utenti utilizzano la app in media per più di un anno. I contenuti sono sviluppati in modo specifico per ciascuna lingua e per ogni livello di difficoltà da un team di professionisti del settore come linguisti, autori e specialisti di didattica.

Babbel è stata fondata nel 2007 da Markus Witte (Chief Executive Officer) e Thomas Holl (Chief Strategy Officer). Attualmente l’azienda impiega un team di oltre 600 collaboratori, nelle sedi di Berlino e New York, provenienti da 50 nazioni diverse. Babbel offre un modello di abbonamento trasparente e libero da pubblicità, il cui obiettivo è far parlare i propri utenti in un’altra lingua il prima possibile. L’azienda ha recentemente superato il milione di abbonamenti attivi ed è stata nominata nel 2016 la più innovativa nel campo dell’istruzione dalla rivista americana Fast Company.

Ulteriori informazioni sono disponibili al sito Babbel.com